Archivio

Post Taggati ‘Corpo’

Il corpo di Massi

Devo ammetterlo, sul principio io non ero per nulla convinto della candidatura di Massimo Zedda, anzi ero scettico, mi sembrava un giovane vecchio, uno di quelli svezzati direttamente in Sezione.
Mi sbagliavo, e con me in tanti, abituati a giudicare secondo parametri ormai obsoleti. Dovevo seguire uno dei miei princìpi, quel “Non pensare, guarda!” di Ludwig Wittgenstein che mi ha sempre portato fortuna. Ma nessuno è perfetto, figuriamoci io.
Massi Zedda (così l’ho sentito chiamare tante volte) è un leader di tipo nuovo. Ha ricevuto tantissimi voti anche da gente che ha compiuto un voto disgiunto, convenzionalmente di destra, oppure da chi si era rifugiato nell’astensione. Mentre tutta l’anima castosaura, identitaria della sinistra osservava impaurita e commentava sarcastica (“figureusindi custu imoi, si pìgara una bella stamburrada, Vince Fantola, Vince Cabras, ma figurati questo ragazzino…”), Massi ha prima vinto le primarie, poi ha imposto alle camarille casteddaie (pessime ma toste, come sappiamo) di scendere sul terreno politico, imponendo al Vicefantola il ballottaggio, ma da una posizione di debolezza. Praticamente, un sogno, almeno per me. Non ho creduto in Cabras né l’ho votato alle primarie, ma non riesco ad immaginarlo al posto di Zedda, non penso che sarebbe mai riuscito ad andare neanche al ballottaggio se non in assenza degli elettori, come aveva fatto l’ultimo-dei-vecchi, il pur intelligente Milia.
Da cui ne consegue: 1. Che i soloni della sinistra cagliaritana e sarda, gli stessi che hanno sabotato Soru, non capiscono un tubo di politica. Anche se hanno piazzato loro uomini in Consiglio a fare i loro compitini, hanno dimostrato negli ultimi due anni incapacità di leadership, assenza di visione e speriamo che nuovi leader li rottamino al più presto e che questi nuovi leader non siano i loro “pitzinni d’andira”, i loro ragazzini delle commissioni. 2. Che Zedda è il primo leader “metropolitano”, radicalmente urbano che esprime la sinistra sarda, e questo è un gran bene.
Spiego il punto 2. Zedda, “Massi”, ha ricevuto tantissimi voti da persone che hanno votato liste di destra. Perché l’hanno scelto? I soliti ideosauri diranno, perché i Floris…, per fare dispetto a questo o quella famiglia, e altre spiegazioni vagamente dietrologico-ripetitive. La mia ipotesi è un’altra, ed è che su Zedda si sia orientato non solo un voto di “opinione” , ma anche un voto emozionale, che come per Vendola, forse in parte per Soru, per Berlusconi perfino, si esprime per un’affinità non totale, ma parziale. Estetica e emotiva, basata su impressioni fuggevoli e rapide relative all’età, al tipo di linguaggio, allo sguardo, al coraggio di mettersi in gioco e di sfidare. All’aspetto, anche. Un voto tipicamente urbano, che si rivolge a chi non si conosce, a chi non fa parte dei propri giri, e che si giudica rapidamente.
Il corpo di Massi, come quello di altri leader (e perfino, in negativo, di Bersani) è un palinsesto, sul quale Zedda inscrive gentilezza, interesse per l’interlocutore, ma soprattutto segni vestimentari che non sottolineano la ricerca della differenziazione, ma dell’associazione con gli interlocutori. Il dialogo insomma, una comunanza segnata anche dal fatto che si gioca assieme nel sistema della moda. Non si ritrovano nel suo corpo i segni identitari del suo Partito, così sbandierati e così minoritari, certo romantici, ma datati. Non è un corpo mummificato come quello di Berlusconi, prevedibile, conservato, immobile nei suoi doppiopetti e maglioncini. E’ immerso nei flussi di segni e di simboli che inscrivono, magari per poco tempo, i corpi di noi contemporanei, senza più identità precise, nervosi ma liberi. Per dirla in breve, è sensibile alle mode e non si veste sempre nello stesso modo.
In tutte le società metropolitane e nelle città, lo scambio simbolico rappresentato dalla moda è un linguaggio centrale, più ancora dei “ragionamenti”. Questo non tanto perché si è più superficiali, quanto perché si ha fretta e i rapporti sono rapidi, e si comunica per segni veloci che si portano addosso. Cagliari è una città in cui il sistema della moda si muove a ritmi veloci, anche se non è New York. E Cagliari è una città in cui i corpi valgono, essendo anche una città di spiaggia (pur non raggiungendo le follie di Rio de Janeiro). Fra i giovani, in particolare, le mode sono trasversali e non testimoniano più né un’appartenenza di classe, né un’appartenenza di ceto, se non per sfumature, e hanno un ruolo comunicativo importante.
Se il giubottino N/S di Vicefantola è diventato un oggetto politico, leggermente fake e in qualche misura incongruo, ad esso Massi ha opposto la sua naturale appartenenza alle persone “normali” vestendosi come loro, parlando come loro, guardandoti e ascoltandoti come loro. E il fatto è che Massi è risultato assolutamente congruo a chi lo osservava. Questo l’ha capito l’arguto autore delle strisce quotidiane su facebook “Intanto in viale Trento…”, il Fauno Banana, che ha inscritto Massi in parodie che si giocavano sul suo corpo e sul suo “comunismo al mojito”, che credo abbiano contribuito alla percezione non disincarnata di questo leader politico, ma corporeizzata.
Magari mi sbaglio, ma sono convinto che questo abbia contribuito a svecchiare di colpo la sinistra più di tanti discorsi, a farle rompere il muro di alterità e spesso, purtroppo, di alterigia che la rende insopportabile a chi non ha dottorati di ricerca e spesso neanche un diploma di scuola media superiore, a chi con onestà si incuriosisce delle nuove tendenze della moda o delle ultime partite di calcio e quando sente i politici cambia canale. Insomma ha permesso di stabilire una qualche forma di comunicazione con loro. Che poi sono gli elettori, quelli che pensano che Via Emilia si equivalga a via Romagna. Zedda col suo corpo-palinsesto ha creato quel nesso fra sinistra e libertà che non riuscivamo a creare ed ha intaccato  il nodo fra sinistra e dover essere che dava spazio ai vari sciu-totu da sezione e a chi scambia la sinistra per la cattedra, ma che allontanava (et pour cause) così tanta gente da noi.
Ovviamente, ci sono altri motivi importanti per spiegare questa cosa meravigliosa che ci è successa. Ma questo punto mi sembra importante metterlo in evidenza, a scorno di chi pensa che tutto sia ragione, ragionamento, schema, e che ci ha ammorbato per troppo tempo.